Clicca sul link per scaricare i nostri Termini e condizioni generali

Indice:
Articolo 1 – Definizioni
Articolo 2 – Identità dell’imprenditore
Articolo 3 – Applicabilità
Articolo 4 – L’offerta
Articolo 5 – Il contratto
Articolo 6 – Diritto di recesso
Articolo 7 – Costi in caso di recesso
Articolo 8 – Esclusione del diritto di recesso
Articolo 9 – Il prezzo
Articolo 10 – Conformità e garanzia
Articolo 11 – Consegna ed esecuzione
Articolo 12 – Pagamento
Articolo 13 – Procedura di reclamo
Articolo 14 – Controversie
Articolo 15 – Privacy Policy
Articolo 16 – Disposizioni supplementari o divergenti

Articolo 1 – Definizioni

Nei presenti termini e condizioni generali:

  1. Periodo di riflessione: il periodo entro il quale il consumatore può avvalersi del suo diritto di recesso;
  2. Consumatore: la persona fisica che non agisce nell’esercizio della sua professione o del suo business ed entra in un contratto a distanza con l’imprenditore;
  3. Giorno: giorno di calendario;
  4. Durata della transazione: un contratto a distanza relativo ad una serie di prodotti, di cui l’obbligo di approvvigionamento e/o di acquisto si diffonde nel tempo;
  5. Supporto dati durevole: qualsiasi mezzo che consenta al consumatore o all’imprenditore di archiviare le informazioni che gli sono indirizzate personalmente in modo da rendere possibile la consultazione futura e la riproduzione inalterata delle informazioni memorizzate;
  6. Diritto di recesso: la possibilità per il consumatore di ritirarsi dal contratto a distanza entro il periodo di ripensamento;
  7. Modello di restituzione: è previsto un modello di restitutizione in caso si voglia usufrire del diritto di recesso.
  8. Imprenditore: la persona fisica o giuridica che offre prodotti ai consumatori a distanza;
  9. Contratto a distanza: un accordo per cui, nell’ambito di un sistema organizzato dall’imprenditore per la vendita a distanza dei prodotti, fino alla conclusione dell’accordo, si utilizzano soltanto una o più tecniche di comunicazione a distanza;
  10. Tecnologia per la comunicazione a distanza: significa che può essere utilizzato per concludere un accordo, senza che il consumatore e il commerciante siano nella stessa stanza allo stesso tempo.
  11. Termini e condizioni: le presenti condizioni generali dell’imprenditore.

Articolo 2 – Identità dell’imprenditore

Tutto calabrese
Kweekhoven 29
1068 ZT Amsterdam
Paesi Bassi
Numero di telefono: 320 274 9929 – dal lunedì al venerdì dal 12:00 al 18:00
Indirizzo E-mail: contact@tuttocalabrese.it
Camera di commercio numero: 70300941
Partita IVA: NL210263040B02

Articolo 3 – Applicabilità

  1. Le presenti condizioni generali si applicano ad ogni offerta dell’imprenditore, e ad ogni contratto a distanza e agli ordini tra imprenditore e consumatore.
  2. Prima di concludere l’accordo, il testo delle presenti condizioni è messo a disposizione del consumatore. Se ciò non è ragionevolmente possibile, sarà indicato che le condizioni generali di contratto possono essere visionate presso l’imprenditore prima della stipulazione contratto a distanza, e saranno inviate gratuitamente il più presto possibile su richiesta del consumatore.
  3. Se il contratto a distanza è concluso elettronicamente, in deroga al paragrafo precedente e prima che il contratto a distanza sia concluso, il testo delle presenti condizioni generali può essere reso disponibile elettronicamente al consumatore in modo che possono essere memorizzati su un supporto dati durevole dal consumatore in un modo semplice. Se questo non è ragionevolmente possibile, prima che il contratto a distanza sia concluso, sarà indicato dove le condizioni generali possono essere osservate elettronicamente e che saranno trasmesse gratuitamente su richiesta del consumatore per via elettronica o altrimenti.
  4. Nel caso in cui si applichino specifiche condizioni di prodotto in aggiunta alle presenti condizioni generali, il secondo e il terzo comma si applicano mutatis mutandis e il consumatore può, in caso di condizioni generali conflittuali, invocare sempre la disposizione applicabile che è più favorevole a lui o lei.
  5. Se una o più disposizioni delle presenti condizioni generali di contratto in qualsiasi momento sono totalmente o parzialmente nulle o distrutte, l’accordo e queste condizioni rimangono intatte e la stipulazione in questione sarà sostituita da una disposizione che si avvicinera alla portata del originale il più possibile.
  6. Le situazioni che non sono regolate nelle presenti condizioni generali devono essere valutate ‘nello spirito’ delle presenti condizioni generali.
  7. La mancanza di chiarezza circa la spiegazione o il contenuto di una o più disposizioni dei nostri termini e condizioni, dovrebbe essere spiegato ‘nello spirito’ di questi termini e condizioni.

Articolo 4 – L’offerta

  1. Se un’offerta ha un periodo di validità limitato o è subordinata a condizioni specifiche, questa sarà esplicitamente indicata nell’offerta.
  2. L’offerta è senza impegno. L’imprenditore ha il diritto di cambiare e regolare l’offerta.
  3. L’offerta contiene una descrizione completa ed accurata dei prodotti offerti. La descrizione è sufficientemente dettagliata per consentire un’adeguata valutazione dell’offerta da parte del consumatore. Se l’imprenditore utilizza immagini, questi sono un vero riflesso dei prodotti offerti. Errori evidenti o errore nell’offerta non condizionano l’imprenditore.
  4. Tutte le immagini, le specifiche e le informazioni nell’offerta sono indicative e non possono portare a risarcimento o scioglimento del contratto.
  5. Le immagini del prodotto sono un vero riflesso dei prodotti offerti. L’imprenditore non può garantire che i colori visualizzati corrispondono esattamente ai colori reali dei prodotti.
  6. Ogni offerta contiene tali informazioni che è chiaro al consumatore quali diritti e doveri sono allegati all’accettazione dell’offerta. Ciò riguarda in particolare:
    1. il prezzo comprese le tasse;
    2. i possibili costi di spedizione;
    3. il modo in cui il contratto sarà concluso e quali azioni sono necessarie per questo;
    4. se si applica o meno il diritto di recesso;
    5. il metodo di pagamento, consegna ed esecuzione dell’accordo;
    6. il periodo di accettazione dell’offerta o il periodo entro il quale l’imprenditore ne garantisce il prezzo;
    7. il livello della tariffa per la comunicazione a distanza se i costi di utilizzo della tecnica per la comunicazione a distanza sono calcolati su una base diversa dalla tariffa normale di base per i mezzi di comunicazione utilizzati;
    8. se l’accordo è archiviato dopo la conclusione e, in caso affermativo, come può essere consultato dal consumatore;
    9. il modo in cui il consumatore, prima di concludere il contratto, può controllare i dati da lui forniti in base ai termini del contratto e modificarli se necessario;
    10. qualsiasi altra lingua in cui, oltre all’olandese, si possa concludere l’accordo;
    11. i codici di condotta ai quali il imprenditore è soggetto e il modo in cui il consumatore può consultare questi codici di condotta elettronicamente; e
    12. la durata minima del contratto a distanza nel caso di una transazione estesa.

Articolo 5 – Il contratto

  1. L’accordo è, fatte salve le disposizioni del paragrafo 4, concluso al momento dell’accettazione da parte del consumatore dell’offerta e dell’adempimento delle condizioni corrispondenti.
  2. Se il consumatore ha accettato l’offerta per via elettronica, l’imprenditore confermerà immediatamente elettronicamente il ricevimento dell’accettazione dell’offerta. Finchè la ricevuta di questa accettazione non è stata confermata dall’imprenditore, il consumatore può dissolvere l’accordo.
  3. Se l’accordo viene creato elettronicamente, l’imprenditore prenderà le opportune misure tecniche e organizzative per garantire il trasferimento elettronico dei dati e garantirà un ambiente Web sicuro. Se il consumatore può pagare elettronicamente, l’imprenditore osserverà adeguate misure di sicurezza.
  4. L’imprenditore può -all’interno di quadri giuridici- informarsi se il consumatore può soddisfare i suoi obblighi di pagamento, così come tutti quei fatti e fattori che sono importanti per una conclusione responsabile del contratto a distanza. Se l’imprenditore basato su questa indagine ha buone ragioni per non stipulare l’accordo, egli ha il diritto di rifiutare un ordine o una richiesta, con motivazione, o di allegare condizioni particolari all’esecuzione.
  5. L’imprenditore invierà le seguenti informazioni con il prodotto, per iscritto o in modo che possa essere immagazzinato dal consumatore in modo accessibile su un mezzo durevole:
    1. l’indirizzo di visita della sede commerciale del imprenditore il consumatore può rivolgersi ai reclami;
    2. le condizioni alle quali e il modo in cui il consumatore può esercitare il diritto di recesso, o una chiara dichiarazione sull’esclusione del diritto di recesso;
    3. le informazioni sulle garanzie e sul servizio dopo l’acquisto;
    4. le informazioni contenute nell’articolo 4, paragrafo 3, delle presenti condizioni, a meno che l’imprenditore non abbia già fornito tali informazioni al consumatore prima dell’esecuzione dell’accordo;
    5. i requisiti per la chiusura dell’accordo se l’accordo ha una durata di più di un anno o è indefinito;
    6. nel caso di una transazione estesa, la disposizione del paragrafo precedente si applica solo alla prima consegna.
  6. Ogni accordo è stipulato in condizioni sospensivo di sufficiente disponibilità dei prodotti in questione.

Articolo 6 – Diritto di recesso

Durante la consegna dei prodotti:

  1. Durante l’acquisto di prodotti, il consumatore ha la possibilità di terminare il contratto senza dare alcun motivo entro 14 giorni. Questo periodo di riflessione inizia il giorno successivo alla ricezione del prodotto da parte del consumatore o di un rappresentante designato in anticipo dal consumatore e questo è stato comunicato all’imprenditore.
  2. Durante il periodo di riflessione, il consumatore gestirà il prodotto e l’imballaggio con cura. Egli potrà disimballare o utilizzare il prodotto solo nella misura in cui è necessario per valutare se desidera mantenere il prodotto. Se si avvale del suo diritto di recesso, ritornerà il prodotto con tutti gli accessori e -se ragionevolmente possibile-nella condizione e nel confezionamento originale all’imprenditore, in conformità con le istruzioni ragionevoli e chiare fornite dall’imprenditore.
  3. Quando il consumatore desidera avvalersi del suo diritto di recesso è obbligato mettere a conoscenza l’imprenditore entro 14 giorni dalla ricezione del prodotto. Il consumatore deve farlo conoscere per mezzo del nostro modello di restituzione. Dopo che il consumatore ha fatto sapere che desidera avvalersi del suo diritto di recesso, il cliente deve restituire il prodotto entro 14 giorni. Il consumatore deve dimostrare che le merci consegnate sono state restituite in tempo, per esempio mediante una prova della spedizione.
  4. Se il cliente non ha fatto sapere che desidera avvalersi del suo diritto di recesso o di ritiro dopo la scadenza dei periodi di cui ai paragrafi 2 e 3, rispettivamente se il prodotto non è stato restituito all’imprenditore, la vendita è un dato di fatto.

Articolo 7 – Costi in caso di recesso

  1. Se il consumatore esercita il suo diritto di recesso, al massimo i costi di restituzione della merce sono per il suo conto.
  2. Se il consumatore ha pagato un importo, l’imprenditore rimborserà questo importo il più presto possibile, ma non oltre 14 giorni dopo l’annullamento. Tuttavia, la condizione è che il prodotto è già stato ricevuto in cambio del commerciante o la prova conclusiva del ritorno completo può essere presentata.

Articolo 8 – Esclusione del diritto di recesso

  1. L’imprenditore può escludere il diritto di recesso del consumatore per i prodotti come descritto al paragrafo 2. L’esclusione del diritto di recesso si applica solo se l’imprenditore ha chiaramente dichiarato questo nell’offerta, almeno nel tempo prima della conclusione dell’accordo.
  2. L’esclusione del diritto di recesso è possibile solo per i prodotti:
    1. che sono stati creati dall’imprenditore in conformità con le specifiche del consumatore;
    2. che sono chiaramente personali in natura;
    3. che non possono essere restituiti a causa della loro natura;
    4. che si può deteriorare rapidamente;
    5. il cui prezzo è soggetto a fluttuazioni del mercato finanziario su cui l’imprenditore non ha alcuna influenza;
    6. per quotidiani sciolti e riviste
    7. per le registrazioni audio e video e software per computer di cui il consumatore ha rotto il sigillo.
    8. per i prodotti igienici di cui il consumatore ha rotto il sigillo.

Articolo 9 – Il prezzo

  1. Durante il periodo menzionato nell’offerta, i prezzi dei prodotti offerti non saranno aumentati, fatta eccezione per le variazioni di prezzo dovute a variazioni delle aliquote IVA.
  2. Contrariamente al paragrafo precedente, l’imprenditore può offrire prodotti, i cui prezzi sono soggetti a fluttuazioni sul mercato finanziario su cui l’imprenditore non ha alcuna influenza, con prezzi variabili. Questo collegamento alle fluttuazioni ed al fatto che tutti i prezzi accennati sono prezzi dell’obiettivo sono accennati nell’offerta.
  3. Gli aumenti di prezzo entro 3 mesi dalla conclusione del contratto sono consentiti solo se sono il risultato di regolamenti o disposizioni statutarie.
  4. Gli aumenti di prezzo da 3 mesi dopo la conclusione del contratto sono ammessi soltanto se l’imprenditore ha stipulato questo e:
    1. sono il risultato di regolamenti o stipulazioni statutarie;
    2. il consumatore ha l’autorità di terminare l’accordo in vigore dal giorno in cui l’aumento dei prezzi ha effetto.
  5. I prezzi indicati nell’offerta del prodotto comprendono l’IVA.
  6. Tutti i prezzi sono soggetti a errori di stampa e digitazione. Nessuna responsabilità è accettata per le conseguenze della stampa e errori di battitura. In caso di errori di stampa e di battitura, l’imprenditore non è obbligato a consegnare il prodotto al prezzo sbagliato.

Articolo 10 – Conformità e garanzia

  1. L’imprenditore garantisce che i prodotti sono conformi al contratto, le specifiche indicate nell’offerta, i requisiti ragionevoli di solidità e/o usabilità e le disposizioni di legge e/o regolamenti governativi esistenti alla data del conclusione dell’accordo. Se concordato, l’imprenditore garantisce anche che il prodotto è adatto ad un uso diverso da quello normale.
  2. Una garanzia fornita dall’imprenditore, fabbricante o importatore non pregiudica i diritti legali e sostiene che il consumatore può far valere contro l’imprenditore in base alle disposizioni del contratto.
  3. Eventuali difetti o prodotti erroneamente consegnati devono essere comunicati all’imprenditore per iscritto entro 4 settimane dalla consegna. Il ritorno dei prodotti deve essere nella confezione originale e nello stato originale.
  4. Il periodo di garanzia dell’imprenditore corrisponde al periodo di garanzia del fabbricante. Tuttavia, l’imprenditore non è mai responsabile per la massima idoneità dei prodotti per ogni singola applicazione da parte del consumatore, né per qualsiasi consulenza per quanto riguarda l’uso o l’applicazione dei prodotti.
  5. La garanzia non si applica se:
    1. Il consumatore ha riparato i prodotti consegnati e/o trasformati, o lo ha riparato e/o trasformato da terzi;
    2. I prodotti consegnati sono esposti a condizioni anormali o manipolazioni altrimenti incaute, o trattati in contrasto con le istruzioni dell’imprenditore e/o come indicato sull’imballaggio;
    3. l’inadeguatezza in tutto o in parte è il risultato di regolamenti che il governo ha fatto o farà per quanto riguarda la natura o la qualità dei materiali utilizzati.

Articolo 11 – Consegna ed esecuzione

  1. L’imprenditore avrà la massima attenzione quando riceverà e implementerà gli ordini per i prodotti e nel valutare le domande per la prestazione di servizi.
  2. Il luogo di consegna è l’indirizzo che il consumatore ha comunicato all’azienda.
  3. Con la dovuta osservanza delle disposizioni di cui al paragrafo 4 del presente articolo, la società eseguirà tempestivamente gli ordini accettati, ma non oltre 30 giorni dopo l’ordine, a meno che il consumatore non abbia accettato un periodo di consegna più lungo. Se la consegna è ritardata, o se un ordine non può o solo parzialmente essere eseguito, il consumatore riceverà la notifica entro 30 giorni dopo aver effettuato l’ordine. In tal caso, il consumatore ha il diritto di terminare il contratto senza alcun costo. Il consumatore non ha diritto all’indennizzo.
  4. Tutti i termini di consegna sono indicativi. Il consumatore non può derivare alcun diritto da qualsiasi periodo menzionato. Il superamento di un termine non autorizza il consumatore a compensare.
  5. In caso di scioglimento conformemente al paragrafo 3 del presente articolo, l’imprenditore rimborserà l’importo che il consumatore ha pagato al più presto, ma entro e non oltre 14 giorni dalla cessazione.
  6. Se la consegna di un prodotto ordinato risulta impossibile, l’imprenditore tenterà di rendere disponibile un articolo sostitutivo. Al più tardi al momento della consegna, sarà indicato in modo chiaro e comprensibile che verrà consegnato un articolo sostitutivo. Per gli articoli di ricambio il diritto di recesso non può essere escluso. I costi di ogni spedizione di ritorno sono a scapito dell’imprenditore.
  7. Il rischio di danni e/o perdite di prodotti spetta all’imprenditore fino al momento della consegna al consumatore o a un rappresentante predesignato, che è stato comunicato all’imprenditore, salvo diversamente concordato.

Articolo 12 – Pagamento

  1. Salvo diverso accordo, gli importi dovuti dal consumatore devono essere versati entro 7 giorni lavorativi dall’inizio del periodo di riflessione di cui all’articolo 6, paragrafo 1.
  2. Il consumatore ha il dovere di segnalare inesattezze nei dettagli di pagamento forniti o indicati all’imprenditore senza indugio.
  3. In caso di inadempienza da parte del consumatore, l’imprenditore ha il diritto, soggetto a restrizioni legali, di addebitare eventuali costi ragionevoli, che vengono comunicati al consumatore in anticipo.

Articolo 13 – Procedura di reclamo

  1. L’imprenditore ha pubbicizzato una procedura reclami e gestisce il reclamo in conformità con questa procedura reclami.
  2. I reclami relativi all’esecuzione dell’accordo devono essere presentati integralmente e chiaramente descritti all’imprenditore entro 7 giorni dal consumatore che ha scoperto i difetti.
  3. I reclami presentati all’imprenditore saranno risolti entro un periodo di 14 giorni dalla data di ricevimento. Se un reclamo richiede un tempo di elaborazione prevedibile più lungo, l’imprenditore risponderà con un avviso entro il periodo di 14 giorni della ricevuta e un’indicazione quando il consumatore può prevedere una risposta più dettagliata.
  4. Se il reclamo non può essere risolto di comune accordo, si verifica una controversia che è suscettibile alla risoluzione delle controversie.
  5. In caso di reclami, un consumatore deve prima rivolgersi all’imprenditore. In caso di reclami che non possono essere risolti di comune accordo, il consumatore deve rivolgersi alla “Stichting WebwinkelKeur” (“Fondazione WebwinkelKeur” – www.webwinkelkeur.nl), che sarà mediata gratuitamente. Se una soluzione non può essere trovata, il consumatore ha la possibilità di avere la sua reclamo affrontato dal comitato indipendente di controversie nominato dalla Stichting WebwinkelKeur. La decisione di questo comitato è vincolante e sia imprenditore che consumatore concordano con questa decisione vincolante. La presentazione di una controversia a questo comitato di controversie comporta costi che il consumatore deve versare alla pertinente Commissione. È inoltre possibile registrare i reclami tramite la piattaforma europea ODR (http://ec.Europa.eu/ODR).
  6. Una denuncia non sospende gli obblighi dell’imprenditore, a meno che l’imprenditore non indichi diversamente per iscritto.
  7. Se un reclamo è trovato per essere bene-fondato dall’imprenditore, l’imprenditore avrà l’opzione per sostituire o riparare i prodotti trasportati gratis.

Articolo 14 – Controversie

  1. I contratti tra l’imprenditore e il consumatore cui si applicano le presenti condizioni generali sono disciplinati esclusivamente dalla legge olandese, anche se il consumatore vive all’estero.
  2. La convenzione di vendita di Vienna non si applica.

Articolo 15 – Privacy Policy

Accettando questi Termini e Condizioni Generali significa che automaticamente abbiamo il vostro consenso alla nostra Privacy Policy.

Articolo 16 – Disposizioni complementari o diverse

Ulteriori disposizioni o disposizioni che differiscono dalle presenti condizioni generali non possono essere a scapito del consumatore e devono essere registrate per iscritto o in modo tale da poter essere conservate dal consumatore su un supporto dati durevole in modo accessibile.

Pin It on Pinterest