C’era una volta Pasquale Librandi, 27.000 ulivi e la terra di Calabria….

L’azienda agricola Librandi è stata fondata negli anni sessanta del secolo scorso da Pasquale Librandi. Così continuava una lunga tradizione di coltivatori di ulivi iniziata già nei primi anni del novecento. L’attuale denominazione dell’azienda è “Tenute Librandi Pasquale“, in memoria del suo fondatore scomparso nel 2012. Questa azienda produce un eccellente olio extravergine d’oliva biologico.

Nella sua vita Pasquale è riuscito a trasmettere la sua grande passione e l’enorme esperienza ai suoi cinque figli (due fratelli e tre sorelle). Sono questi cinque giovani che ora, insieme, gestiscono l’azienda. Uno dei fratelli è laureato in Agraria. Quindi lui è responsabile della cura della terra e degli alberi. E una delle sorelle è specializzata nella trasformazione delle olive, monitorando la qualità dei prodotti e il processo produttivo. Ogni fratello e sorella ha le proprie responsabilità e competenze specifiche.

L’azienda è situata a Vaccarizzo Albanese in provincia di Cosenza, sulle colline Ioniche, sul lato nord della Sila. Qui, tutta insieme la famiglia coltiva 27.000 ulivi su una superficie di 154 ettari.

Tradizione e innovazione hanno reso la società biologicamente e tecnologicamente avanzata

La famiglia è con passione legata alla tradizione, ma è altrettanto molto attenta all’innovazione ed a proteggere l’ambiente circostante. Questo ha fatto sì che dal 1997 la produzione sia diventata completamente biologica e si sono impegnati in alcuni progetti di ricerca in collaborazione con diversi centri scientifici. La qualità biologica è certificata da Bioagricert.

Diversi tipi di olive, diversi metodi di lavorazione

Nell’azienda agricola troviamo l’antica qualità di oliva Dolce di Rossano, ed impianti più recenti sono del tipo Carolea, Frantoio e Nocellara del Belice. I diversi tipi di olive hanno ciascuno un proprio metodo di lavorazione. A seconda del tipo, le olive vengono raccolte a mano, con pettini elettrici o con uno scuotitore. Tutte le olive vengono trasformate in olio, poche ore dopo la raccolta nel frantoio aziendale. I vari processi di lavorazione sono monitorati in dettaglio da tecnologie all’avanguardia.

Raccolta delle olive a Tenute Librandi Pasquale

Olio extravergine d’oliva biologico con enfasi sulla qualità

L’azienda utilizza due diversi metodi di lavorazione per la frangitura delle olive: con dischi o con martelli. Quale metodo viene utilizzato dipende dal tipo di olive. Nel processo di impasto viene usata una particolare “impastatrice”, ermeticamente sigillata, che impedisce l’ossidazione e crea gli aromi, i profumi e la stabilità che caratterizzano l’olio extravergine d’oliva. L’estrazione dell’olio è regolata da un sofisticato sistema, che mantiene la temperatura di questo processo stabilmente sotto i 27°C (estrazione a freddo).

Tutta l’attività aziendale è concentrata alla produzione di olio extravergine d’oliva biologico della migliore qualità, e ai suoi consumatori più esigenti. Grazie all’ottima qualità, l’olio extravergine d’oliva biologico delle “Tenute Librandi Pasquale” ha ottenuto numerosi prestigiosi premi internazionali.

Olio Extravergine dOliva Biologico Tenute Librandi Pasquale

 

Pin It on Pinterest